Libri

L’estate dell’incanto- Francesco Carofiglio

L’estate dell’incanto è stata la mia ultima lettura di ottobre e, purtroppo, non mi ha entusiasmato. La voce narrante è quella di Miranda, una signora di novant’anni che ritorna con la memoria all’estate passata nella campagna toscana prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, alla figura del nonno, a quella del padre inspiegabilmente assente, all’amicizia con Lapo e al suo rapporto con natura e animali.

A questo si aggiungono riflessioni sulla vecchiaia e sul suo presente, in cui tutto viene avvolto da un senso di fine e foschia.

Perché non mi ha convinta?

Ho trovato questo romanzo un po’ troppo statico e ripetitivo (forse per via della voce narrante anziana?), mi sarebbe piaciuto approfondire aspetti della personalità e della vita di Miranda solo accennati, avrei voluto che il tema della guerra e del suo scoppio imminente fosse trattato diversamente, in modo più problematico e sottile e, per concludere, l’utilizzo del dialetto toscano mi è sembrato un po’ artificioso e forzato.

Fatemi sapere se l’avete letto, se vi è piaciuto o se, anche voi, non siete rimasti completamente soddisfatti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...