Libri

Letture per la Resistenza

Venticinque aprile, festa della Liberazione Nazionale e anniversario della Resistenza. Ma che cosa è stata la Resistenza? Guerra di liberazione dallo straniero, guerra civile, guerra sociale, lotta di classe. Un evento storico complesso, dai contorni sfumati, che non può certamente essere ridotto a monodia e a semplice esaltazione epica di un fenomeno autoreferenziale. Il mio… Continue reading Letture per la Resistenza

Pensieri

Di un giorno di pioggia e di Vorrei pensati alla finestra.

Poi vorrei la sabbia tra le dita dei piedi, le valigie che non si chiudono, la macchina da riempire, gli aerei da prendere. Vorrei sentire il vento sul viso mentre cammino, la fatica nelle gambe durante una salita, il fiato corto, la gioia della cima. Vorrei potermi lamentare ancora una volta del ritardo del treno,… Continue reading Di un giorno di pioggia e di Vorrei pensati alla finestra.

Libri

Lessico famigliare, Natalia Ginzburg

Dalle nebbie di una Torino fotografata tra gli anni Trenta e Cinquanta del Novecento, riemergono, avvolti da un’atmosfera quasi fiabesca, affettuosa, ironica e caricaturale i coniugi Levi, i loro cinque figli, le balie, le sarte, gli amici, le gioie e i capricci dell’infanzia, ma anche la guerra, l’antifascismo, le perdite. Natalia Ginzburg scrive della sua… Continue reading Lessico famigliare, Natalia Ginzburg

Pensieri

Lettere dalla quarantena #2

Mentre leggo un raggio di sole, ormai dimentico della timidezza primaverile, mi solletica con estiva sicurezza la schiena, riportandomi alla mente giornate toscane che credevo ormai perdute nella nebbia della memoria. Ecco Castagneto, vecchia signora pigra e stanca, tutta scale e gradini, dei miei ricordi d’infanzia. Ed ecco anche te, abbronzata e sorridente. Riprovo l’entusiasmo… Continue reading Lettere dalla quarantena #2

Libri

Eccomi, Jonathan Safran Foer

Eccomi non è solo un romanzo, è un gigantesco vaso di Pandora, un’anomala Arca dell’Alleanza, saccheggiata e ammaccata che, una volta scoperchiata, non si può né richiudere né dimenticare. Questa volta Jonathan Safran Foer non prende il lettore per mano, tutt’altro. Ci scaraventa sulla sponda di un irruento e impetuoso fiume di parole attraverso cui… Continue reading Eccomi, Jonathan Safran Foer

Pensieri

Ci sono giornate che finiscono alle diciotto.

Ci sono giornate che finiscono alle diciotto. Sono quelle in cui i numeri, che tanto ci si sforza a fare rimanere tali, si trasformano in persone. Non “anziani”, non “individui affetti da patologie pregresse”, non “deceduti con e non per” corona virus, ma persone. Forse, dopo aver superato i sedicimilacinquecentoventitre decessi, è arrivato il momento… Continue reading Ci sono giornate che finiscono alle diciotto.