Libri

Lessico famigliare, Natalia Ginzburg

Dalle nebbie di una Torino fotografata tra gli anni Trenta e Cinquanta del Novecento, riemergono, avvolti da un’atmosfera quasi fiabesca, affettuosa, ironica e caricaturale i coniugi Levi, i loro cinque figli, le balie, le sarte, gli amici, le gioie e i capricci dell’infanzia, ma anche la guerra, l’antifascismo, le perdite. Natalia Ginzburg scrive della sua famiglia e del suo passato rimanendo sempre sullo sfondo, lasciando spazio agli scoppi di rabbia, alle tenerezze, agli “sbrodeghezzi” della figura paterna, alla natura lieta e malinconica della madre, alla fuga di Turati, al mondo intellettuale dell’epoca, al sorriso ironico di Pavese, perso per sempre in un giorno di agosto. Sono le parole, il lessico, gli intercalari, i borbottii, le storie e le battute uniche e irripetibili che caratterizzano ciascun nucleo famigliare, in questo caso il suo, a costituire il filo rosso della narrazione, la fonte del ricordo, e a permettere alla penna dell’autrice di riportare in vita la memoria, le contraddizioni e il ritmo dei tempi che furono riempiendo il cuore del lettore di casa, sorrisi e malinconia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...